Andrea il Calibita

Andrea da Creta, noto anche come Andrea il Calibita (Creta, ... – Costantinopoli, 766/767), è stato un monaco cristiano bizantino. Considerato santo e martire dalla Chiesa cattolica e da quella ortodossa, che lo ricordano il 20 ottobre.

Fervente iconodulo, fu giustiziato nel Forum Bovis di Costantinopoli per ordine dell'imperatore Costantino V nel 766 o 767, durante l'iconoclastia bizantina[1][2]

Bisogna tuttavia sottolineare che secondo alcuni studiosi sant'Andrea da Creta è da considerarsi una figura leggendaria, al pari di molti Santi iconoduli del periodo iconoclastico.[3]

La sua festa cade il 20 ottobre. Martirologio Romano: "A Costantinopoli, sant'Andrea, detto in Krisi o Calibita, monaco e martire, che, nato nell'isola di Creta, più volte fustigato sotto l'imperatore Costantino Copronimo per il culto delle sacre immagini e sottoposto a tortura, morì precipitato tra le immondizie dalle mura della città".

Il monastero di Sant'Andrea in Krisei (it.: "nel Giudizio", così chiamato da un vicino luogo di sepoltura di criminali) a Costantinopoli, attualmente Moschea Koca Mustafa Pasha di Istanbul, era dedicato a lui[4].

  • Attwater, Donald e Catherine Rachel John. The Penguin Dictionary of Saints.. 3 ° edizione. New York: Penguin Books, 1993. ISBN 0-14-051312-4.
  • (FR) Raymond Janin, Constantinople Byzantine, 2ª ed., Parigi, Institut français d'etudes byzantines, 1964.
  • (DE) Wolfgang Müller-Wiener, Bildlexikon Zur Topographie Istanbuls: Byzantion, Konstantinupolis, Istanbul Bis Zum Beginn D. 17 Jh, Tübingen, Wasmuth, 1977, ISBN 978-3-8030-1022-3.
  • (EN) Leslie Brubaker, John Haldon, Byzantium in the Iconoclast era (ca 680-850), Cambridge, Cambridge University Press, 2011, ISBN 978-0-521-43093-7.

Copyright