Gustaf Molander

Gustaf Harald August Molander

Gustaf Harald August Molander (Helsingfors, 18 novembre 1888Stoccolma, 19 giugno 1973) è stato un attore e regista finlandese.

Svenska Teatern, il teatro svedese di Helsinki, costruito nel 1866 dall'architetto Nikolai Benois

I suoi genitori erano lo sceneggiatore Harald Molander e la cantante e attrice Lydia Molander Wessler; il fratello era Olof Molander, regista, attore e sceneggiatore; il figlio era l'attore Jan Molander.

Gustaf Molander nacque a Helsingfors (oggi Helsinki), dove il padre lavorava al Teatro svedese di Helsingfors[1].

Studiò nella scuola del Kungliga Dramatiska Teatern [2] a Stoccolma tra il 1907 e il 1909, recitò al Teatro Svedese di Helsinki nel periodo 1909-1913 e quindi al Kungliga Dramatiska Teatern (1913-1926). Qui dirigerà la scuola e tra i suoi studenti vi sarà Greta Garbo.

Molander scrisse parecchie sceneggiature per Victor Sjöström e Mauritz Stiller, il quale lo aiutò a diventare direttore della Svensk Filmindustri, casa di produzione cinematografica svedese, dove lavorò dal 1923 al 1956.

In tutto diresse sessantadue film. Lavorò spesso con Gösta Ekman e i suoi film includono Intermezzo (1936), che permise a Ingrid Bergman di sfondare e le aprì la strada per Hollywood, dove nel 1939 girò il remake del film. Realizzò Eva nel 1948, che sarebbe dovuto essere il suo ultimo film. Tornò dietro la macchina da presa nel 1967 per partecipare al film a episodi Stimulantia, solo per tornare a lavorare con Ingrid Bergman dopo 30 anni.

  • (EN) World Film Directors, Volume One, 1890-1945, John Wakeman editor, The H. W. Wilson Company, New York, pagine 803-807, 1987
  • (SV) "Molander, Gustaf" in Svenskt biografiskt lexikon, Forslund, Bengt, Volume 25, pagine 619-622

Copyright